Il Monte Testaccio è una grande collina artificiale, situata nella zona dell’omonimo rione della capitale, formatasi in epoca romana. È nota anche come “Monte dei cocci”, poiché composta dalla sovrapposizione di questi ultimi, residui della migliaia di anfore in cui veniva trasportato l’olio e che qui venivano depositati.

Le anfore provenivano dal vicino porto fluviale.

 

 

Questi cocci in latino erano chiamati “testae”, da cui deriva il toponimo con cui è denominato il monte ed il rione tutto. Col passare del tempo, questo luogo venne utilizzato anche come sito in cui adibire, scavando delle grotte,  magazzini per la conservazione di prodotti alimentari, ma, col tempo, anche osterie.

Nel Medioevo, il monte divenne spazio per lo svolgimento di manifestazioni popolari e religiose, ad iniziare dal Carnevale, che già aveva interessato la splendida Piazza Navona, e a cui erano connessi i Ludus Testaccie.

Questi consistevano in manifestazioni alquanto violente, che prevedevano il coinvolgimento di animali.

A tal proposito,è molto nota la “ruzzica de li porci”, che consisteva nello scaraventare giù dal monte dei maiali vivi, che poi venivano contesi tra i partecipanti che, ai piedi della collina di cocci, si accalcavano per accaparrarseli.

Un'altra nota tradizione che riguarda questo luogo è legata alla cristianità.

 

 

Infatti, il pontefice del tempo, il veneziano Paolo II, decise di spostare il luogo di svolgimento del Carnevale nell’attuale Via del Corso, deputando  il Monte Testaccio a luogo in cui culminava la Via Crucis del Venerdì Santo, simulando e ricordando così il monte Golgota, dove Gesù fu crocefisso.

Questa usanza è testimoniata dalla presenza di una croce. Qualche tempo più tardi, la collina artificiale iniziò ad essere frequentata in occasione delle famose “ottobrate romane”, tradizione che coinvolgeva tutta la popolazione della città eterna e che si svolgeva prevalentemente nel fine settimana,  a chiusura della vendemmia settembrina. Durante le ottobrate si organizzavano momenti di convivialità all’aperto, balli, canti e si godeva della temperatura ancora mite e del paesaggio affascinante offerto da Roma, prima che sopraggiungesse l’inverno.

Sei a 12 ore dall'evento e non è possibile più prenotare via e-mail. Contattaci ORA al numero 0692939974 per verificare la disponibilità