I vicoli sono strade secondarie spesso molto strette e senza uscita. A Roma ce ne sono in tutto 147, molti dei quali si concentrano nel centro storico. 

Per molti secoli si credette che le vie e i vicoli della città eterna non avessero nome, ma in realtà non era così. I nomi utilizzati corrispondevano a punti di riferimento quali palazzi, chiese, monumenti, statue, colonne, templi, portici, locande, borghetti sacri o mestieri e fontanelle dedicate a una divinità , almeno fino al Settecento quando, sulla scia del moto di ordine e organizzazione, tipica del secolo, verrà creato una sorta di stradario fantasioso ispirato ad animali, mestieri, dettagli curiosi dell’arredo urbano, una componente naturalistica del luogo e a famiglie dai palazzi prestigiosi e ordini religiosi. Era poi possibile che gli stessi luoghi avessero più denominazioni e che, qualora queste fossero assenti, si specificassero le due estremità della strada.

 

 

Fu agli inizi del Novecento che iniziò ad essere utilizzata la nomenclatura legata al Risorgimento e all’Unità d’Italia. 

Tra le vie più curiose nelle quali vale la pena passeggiare vi sono via dei Giubbonari, che prese il nome dai gipponari (i tessitori di corpetti), o via dei Balestrari, dal nome dei fabbricanti e venditori di balestre o ancora via de’ Catinari, gli artigiani che realizzavano e vendevano piatti e stoviglie e via dei Chiavari, il cui toponimo deriva dai fabbricanti di chiavi e serrature, solo per citarne alcune. 

 

Vi proponiamo una passeggiata da via dei Giubbonari a Piazza Farnese, all’interno di tre rioni. Appuntamento in Piazza Cairoli, la guida avrà un cartello "Romolo e Remo", costo servizio guida euro 13,00 per gli adulti e 8 per i minoir, gratis sotto i 6 anni. Per informazioni: 3281640180

 

Sei a 24 ore dall'evento e non è possibile più prenotare via e-mail. Contattaci ORA al numero 0692939974 per verificare la disponibilità

Data Prezzo
Data: 23/08/2022 (martedì) - ore 18:30 Prezzo: 13,00 €
Prenota
Data: 7/09/2022 (mercoledì) - ore 18:00 Prezzo: 13,00 €
Prenota