Il paesaggio urbano di Roma è abbellito e arricchito dalla presenza di numerosi ponti, sia antichi che moderni.

Il nostro viaggio non può iniziare che da uno di quelli più suggestivi, che si trovano nel cuore della capitale e cioè Ponte Sant’Angelo. Esso nasce, in origine, in epoca romana ed era denominato Ponte Elio. La struttura fu voluta dall’imperatore Adriano, per raggiungere agevolmente il proprio mausoleo collocato aldilà della riva del Tevere ed oggi Castel Sant’Angelo. Il ponte è abbellito con le splendide sculture, su progetto di Gian Lorenzo Bernini, della seconda metà del XVII secolo, che rappresentano delle maestose ed eleganti figure angeliche, recanti ognuna simbologie relative alla passione di Cristo.

Le opere sono di autori vari, collaboratori del Bernini. L’unica scultura prodotta dalla mano del maestro del Barocco, quella dell’angelo con la corona di spine, che fu poi sostituita da una copia, attualmente è fruibile nella chiesa di Sant’Andrea delle Fratte.

Un altro luogo ricco di storia è ponte Milvio, noto oggi per essere spazio prediletto dagli innamorati.

La storia ci restituisce, però, importanti memorie risalenti al 321 d.C. e legate, appunto, alla nota battaglia tra l’imperatore Costantino I e Massenzio, consegnata alla storia come Battaglia di Ponte Milvio. A questo luogo, è legata la nota vicenda in cui si narra che Costantino ebbe la visione della Croce con su scritto “In hoc signo vinces”.

 

 

Fu il pontefice Sisto IV della Rovere a volere l’edificazione del ponte che oggi porta il suo nome, nel XV secolo, e sorto su una precedente costruzione di epoca romana. Tra tutti i ponti antichi, quello denominato Sublicio è capostipite. Di epoca romana pre-imperiale, era inizialmente fatto totalmente  in legno. Essendo completamente scomparso, non è definita con certezza nemmeno la sua antica ubicazione. L’odierno ponte che ne porta il nome è una costruzione opera del noto architetto Marcello Piacentini, datata al 1918.

Ponte Emilio è un altro dei più suggestivi luoghi di Roma. Fatto edificare nel 179 a. C., è detto anche Ponte Rotto,  poiché, a causa di una violenta alluvione, sul finire del XVI secolo, alcune arcate cedettero e non furono mai più ricostruite, consegnando ai posteri quest’opera architettonica tanto affascinante.  Tra glia altri  ponti antichi di Roma sono da annoverare poi  Ponte Mammolo, Ponte Cestio, e Ponte Fabricio.

Tra le opere più recenti, il Ponte del Risorgimento ed il contemporaneo Ponte della Musica intitolato ad Armando Trovajoli sono certamente da visitare e conoscere.

 

 

Il primo, progetto dell’architetto Giovanni Antonio Porcheddu, fu inaugurato nel 1911 per festeggiare il cinquantenario dell’Unità d’Italia. Il secondo, costruzione avveniristica in acciaio e cemento armato, porta fino all' AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA e  al MAXXI noto museo d’arte contemporanea e ad altri luoghi di sport e cultura.

Sei a 12 ore dall'evento e non è possibile più prenotare via e-mail. Contattaci ORA al numero 0692939974 per verificare la disponibilità