“La Centrale Montemartini, secondo polo espositivo dei Musei Capitolini, è uno straordinario esempio di riconversione in sede museale di un edificio di archeologia industriale, il primo impianto pubblico di Roma per la produzione di energia elettrica. La storia del museo inizia nel 1997 con il trasferimento nella centrale elettrica di una selezione di sculture e reperti archeologici dei Musei Capitolini”.

 

                                   

Dal corredo funerario di Crepereia Tryphaeana, rinvenuto durante i lavori per la realizzazione del palazzo di Giustizia, al mosaico esposto per la prima volta raffigurante un labirinto all’interno di una cinta muraria datato tra il 100 e l’80 a.C.

Nella Sala Caldaie il bellissimo mosaico pavimentale narra il rapimento di Proserpina da parte di Plutone dio degli inferi, scoperto a Roma in una tomba della via Portuense nel 1885, si adatta al repertorio funerario proprio per il tema.

                                               

In mostra anche una preziosa testa dell’imperatrice Agrippina Minore, concessa temporaneamente dalla Gliptoteca Ny Carlsberg di Copenaghen, visibile in Sala Macchine accanto alla statua femminile di “Orante”.
 
Durata della visita guidata: 1 h e 30'.
 
Appuntamento all'ingresso del Museo in Via Ostiense 106. Quota di partecipazione comprensiva di ingresso + servizio guida euro 21 adulti, euro 12 minori di 18 anni, gratis sotto 8 anni. Per informazioni e prenotazioni chiamare i nn. 0692939974; 0766840578; cell. 3281640180, oppure scrivere a segreteria@romoloeremo.com, lasciando tutti i riferimenti per essere ricontattati; pagamento in loco alla guida, che sarà riconoscibile con un cartello Romolo e Remo.