Frida Kalho nasce in Messico ne 1907. Donna poliedrica, trasgressiva e dal carattere deciso, visse un’infanzia relativamente tranquilla per via della poliomelite che la colpì a soli 6 anni.

Poco più che diciottenne, fu gravemente ferita nel corpo a causa di un terribile incidente stradale in cui fu coinvolta e che le provocò ferite talmente gravi da costringerla lunghi mesi a letto.

Era il 17 settembre del 1925 e Frida era salita sul solito bus che doveva riportarla a casa che però, quel giorno, si scontrò con un tram. Ne portò i segni per tutta la vita. Di carattere sanguigno e passionale, visse di grandi emozioni, come quelle provate per il grande amore, l’artista Diego Rivera, a cui rimase a lungo legata in matrimonio.

 

Nelle sue tele Frida racconta la sua vita: i suoi autoritratti, molti dei quali nati durante i mesi di degenza, ne sono principale testimonianza. Sua madre, infatti, aveva fatto appendere un grande specchio sopra il baldacchino del letto in modo cha la ragazza potesse vedersi e così anche dipingersi.

Tra la maggiori opere che ricordano questo difficile momento della vita di Frida c’è sicuramente il dipinto dal titolo “La colonna rotta” (1944) in cui la pittrice appare col busto eretto, attraversato da un tubo di metallo e tutto il corpo puntellato da decine di chiodi.

Il tubo a cui Frida fa riferimento è proprio il corrimano del bus che le trapassò il corpo durante l’incidente. Il viso dell’artista appare qui triste e bagnato di lacrime che scendono dagli occhi grandi e scuri.

Del 1933 è il dipinto Ospedale Henry Ford (Il letto volante), in cui Frida documenta la dolorosa esperienza dell’aborto, dovuto ai danni riportati durante l’incidente. Ella si raffigura su di un lettino d’ospedale sporco di sangue, circondata da alcune figure simboliche tra cui un feto, un bacino, un modello anatomico.

Dedicò anche opere al suo grande amore Diego Rivera. Del 1931 è infatti il ritratto che li raffigura assieme, mano nella mano e che nasce a soli due anni dal loro matrimonio.

Il legame tra i due fu molto forte, ma al contempo difficile, poiché disseminato di tradimenti da parte di entrambi. Le cose precipitarono quando Rivera tradì Frida con la sorella Cristina.

 

Episodio che portò alla fine del loro amore e distrusse letteralmente la pittrice. Da quella vicenda nacque uno dei quadri più noti e cioè “Le due Frida”, datato 1939. In esso ella compare in duplice veste, quella della sposa amata e quella della sposa tradita, addolorata. Le due figure hanno in evidenza un grande cuore collegato da un’arteria recisa che perde sangue sul candido abito della Frida di sinistra. Un’opera molto forte che esalta il grande dolore della donna che riesce a trasporre nella pittura la sua sofferenza ed il suo vissuto più intimo. Insomma, un’artista la Kalho di grande impatto emotivo che riesce a far riflettere sul dolore e sul’amore, sull’arte e sulle vicende quotidiane della vita.

Sei a 12 ore dall'evento e non è possibile più prenotare via e-mail. Contattaci ORA al numero 0692939974 per verificare la disponibilità