La città di Roma, da sempre, è stata location d’eccezione per set cinematografici di grandi capolavori, nonché sede di Cinecittà, seconda solo agli studi di Hollywood. Quest’ultima fu fondata negli anni Trenta del Novecento,  sotto progetto dell’architetto friulano Gino Peressutti, che lavorò, tra l’altro, anche al progetto dell’attuale edificio oggi Museo della Civiltà Romana, all’EUR.

A Cinecittà sono stati girati innumerevoli film di successo mondiale e hanno lavorato grandissimi registi: da Fellini, a Visconti, da Scola a Leone, a Scorsese.

Ma al di fuori di questa grande e storica cittadella del cinema, passeggiando per le strade ed i quartieri della capitale, è possibile riconoscere i molti luoghi ammirati sul piccolo e grande schermo, sia del cinema italiano, che straniero.

 

 

 

Il primis la Fontana di Trevi, set della storica scena con protagonisti Marcello Mastroianni ed Anita Ekberg, nel film La dolce vita di Federico Fellini, che vide location d’eccezione anche l’elegante Via Veneto, scelta tra l’altro, anche da Sorrrentino per alcune scene della pluripremiata pellicola La Grande bellezza, che comprende anche altri scorci, come palazzo Barberini e le terme di Caracalla.  Anche Piazza del Popolo appare, tra i vari luoghi romani, ne La dolce Vita.

 

 

Il quartiere denominato Pigneto, fu invece scelto da Roberto Rossellini per girare la storica scena con la grande Anna Magnani, in cui si ripercorre la vera storia di Teresa Gullace, in Roma città aperta. Questo stesso luogo fu prediletto anche da Pier Paolo Pasolini per girare alcune scene di Accattone. Anche nella pellicola Vacanze romane, la città diventa set a cielo aperto, indimenticabile film con la Hepburn, che tra l’altro lungamente visse nella capitale. Tra le location: la Scalinata di Trinità dei Monti, la Bocca della verità, Via Margutta, storica e suggestiva strada degli artisti, Colosseo, Fori Imperiali. Ron Howard, regista americano, nel suo Angeli e demoni, con Tom Hanks, immortala il Pantheon, Piazza Navona, Castel Sant’Angelo, gli interni della chiesa di sant’Agostino, Santa Maria della Vittoria e altri scorci.

 

 

Alberto Sordi, romano doc, sceglie spessissimo la sua meravigliosa città come set in cui ambientare i suoi film: per Polvere di Stelle, ad esempio, alcune scene furono girate nell’attuale Galleria Alberto Sordi, un tempo detta Colonna, su Via del Corso; per il Marchese del Grillo, a Cinecittà furono ricostruiti diversi scenari della Roma papalina. In Un americano a Roma, invece, possono essere riconosciuti via Portico d’Ottavia nel Ghetto, il Colosseo e ancora Via Margutta.  Non fa eccezione un altro attore e regista capitolino, Carlo Verdone. In Un sacco bello, ad esempio, si riconoscono, tra i vari luoghi, scorci della bella Trastevere, il Bioparco.

Sei a 12 ore dall'evento e non è possibile più prenotare via e-mail. Contattaci ORA al numero 0692939974 per verificare la disponibilità